Gli ospiti del Corso di istigazione alla scrittura

CLAUDIO CECIARELLI
Claudio Ceciarelli ha collaborato come caporedattore e responsabile della produzione per la casa editrice Theoria. Ha in seguito collaborato con la Einaudi, e dal 1997 al 2000 è stato direttore editoriale dell’ADN KRONOS Libri. Attualmente collabora prevalentemente con la casa editrice E/O in qualità di editor.

DINA D’ISA
Esperta di cinema e critica cinematografica presso il quotidiano Il Tempo, ha una rubrica sul settimanale “Glam” di Radio 2. Spesso ospite di “Cinematografo” su Rai 1, condotto da Gigi Marzullo, ha una rubrica mensile di cinema su “Fleming Magazine”. Tra le numerose pubblicazioni: “Moravia e la sua generazione”, “Sport e Mass Media”, “Il pensiero verde”, e una raccolta di poesie con la prefazione di Mario Luzi.

ALEX INFASCELLI
Regista e musicista in varie band romane si trasferisce a Los Angeles nel 1989. Tra i lavori nei quali è coinvolto ci sono Domino dei Kiss, Black or White di Michael Jackson e Alive dei Pearl Jam. Nel 2000 dirige Almost Blue tratto dal romanzo di Carlo Lucarelli: questo lavoro gli vale il Ciak d’oro, il David di Donatello e il Nastro d’argento come miglior regista esordiente. Nel 2003 dirige il thriller Il siero della vanità con Margherita Buy e Valerio Mastandrea e il corto L’ultimo giorno.

FILIPPO LA PORTA
Filippo La Porta è nato e lavora a Roma. Saggista, scrittore e critico letterario, collabora con: Il Messaggero, La Repubblica, Il Corriere della Sera, Left, e altre testate. E’ autore tra l’altro di: “Maestri Irregolari” (Bollati Boringhieri), “Dizionario della critica militante” (Bompiani), “Manuale di scrittura creatina”, “Diario di un patriota perplesso negli USA” (E/O), “Per un antidoping della letteratura” (Minimum Fax), “Narratori di un sud disperso” “Cantastorie in un mondo senza storie” (L’Ancora del Mediterraneo), “Pasolini, uno gnostico innamorato della realtà” (Le Lettere).

MASSIMO LUGLI
Romano, Massimo Lugli dopo aver lavorato per anni a “Paese Sera”, è attualmente inviato speciale di Repubblica. Dal 1975 si occupa di cronaca nera e alterna la passione per il giornalismo e la scrittura, con quella per le arti marziali, che pratica sin dall’infanzia. Ha pubblicato “Roma maledetta” (Ed. Newton Compton), “La legge del lupo solitario”, e “L’istinto del lupo” finalista al Premio Strega nel 2009, pubblicati sempre da Newton Compton. L’ultima pubblicazione è il romanzo noir: “Il carezzevole”.

LIA MIGALE
Lia Migale, scrittrice ed economista, vive a Roma dove insegna Economia
Aziendale all’Università “La Sapienza”. Ha pubblicato con Voland (Roma, 2009) il romanzo “La donna del diavolo”, con le Edizioni Empiria il romanzo “Malamore” (Roma, 2001) e la raccolta di racconti “In un altro luogo” (Roma, 1996). Per la compagnia teatrale “Spazio Tre” ha scritto il testo “Eva, mangia la mela”, messo in scena nel 2000 e più volte ripreso. E’ risultata finalista:
– nel 1993 al premio letterario nazionale “Nuove scrittrici” con il romanzo
ancora inedito Eliotropici deliri;
– nel 1994 al “Premio Teramo” con il racconto Una festa per Capodanno;
– nel 2000 al premio letterario “Lo Stellato” con il racconto Odio/Amore.
E’ stata membro della giuria del Premio letterario di Roma per racconti inediti:
“Anna Maria Ortese”. In qualità di economista ha scritto diversi volumi scientifici, occupandosi in vario modo dei temi legati all’economia dell’arte.

ROSSELLA POMPEO
Rossella Pompeo ha pubblicato la raccolta di racconti: “Roma è come Asmara” (Zona Editrice) e le sillogi poetiche: “Oltre il muro le cose” (Manni Editori), “Mite frastuono” (Prospettiva Editrice) e “Mute Attese”(premio Jacquès Prévert). E’ in corso di stampa il suo primo romanzo. Scrive per le pagine culturali del quotidiano Liberazione. Ha sceneggiato e curato la regia del cortometraggio: “Le mani antiche”, tratto dal suo omonimo racconto, presentato alla Festa Internazionale del Cinema di Roma nel 2009. Ha curato l’adattamento poetico della sceneggiatura cinematografica dell’ultimo film, di prossima uscita, del regista Bogdan Dumistrescu-Dreyer, con Gérard Depardieu e Harvey Keitel. Collabora con Philosophema, bimestrale di filosofia, BTA Bollettino Telematico dell’arte e Reti di Dedalus, rivista letteraria del sindacato nazionale scrittori. Il testo del racconto: “Come fare a raccontare” della raccolta “Roma è come Asmara” è stato utilizzato nello spettacolo teatrale: “L’invenzione del tempo”, regia di Fabio Vannozzi, selezionato all’Armunia Festival di Costa degli Etruschi.
Suoi componimenti poetici sono apparsi nel: “Lunario di poesia”, Ed. del Giano, curato da Antonio Veneziani; sulla rivista “L’immaginazione”, Lìnfera rivista per la neorinascenza letteraria e sulla rivista di letteratura il Fiacre n.9.

Torna alla Scheda Corso